Sviluppo SEO

e Web marketing

Ti spiego la SEO

Quando crei un sito internet per promuovere la tua azienda, desideri che lo stesso venga trovato facilmente dai tuoi potenziali clienti.

Per trovare un sito, gli utenti della rete utilizzano i Motori di ricerca e, tra questi ultimi, il più importante in assoluto, per numero di utenti, è Google.

Come tutti i Motori di ricerca, Google utilizza le parole per individuare i siti ad esse pertinenti.

 

Contenuti sul web e motori di ricerca

 

Le parole con le quali desideri venga individuato e trovato il tuo sito sono dette "parole chiave".

Lo scopo della SEO, acronimo della definizione inglese di "Ottimizzazione per i Motori di Ricerca" ("Search Engine Optimization"), è quello di portare il sito della tua azienda tra i primi risultati della ricerca di determinate "parole chiave", quelle da te prescelte.

La visibilità su Google e sui principali Motori di ricerca è quindi lo scopo della SEO e di chi la pratica. 

 

Marketing sul web Social

 

Un obiettivo che si può ottenere, in particolare, realizzando, per il sito della tua azienda, contenuti scritti che diano valore aggiunto alla Rete, ma anche aumentando il numero dei link di altri siti che rimandano al tuo (detti "inbound link" o "backlink").

Espandendo il concetto di SEO alla promozione aziendale ("marketing"), ottieni la SEM, che è l'acronimo di un'altra definizione inglese, ovvero Marketing attraverso i Motori di ricerca ("Search Engine Marketing") e si ottiene anche attraverso la SEA, ovvero il pagamento diretto dei motori di ricerca o "Advertising"

La differenza tra SEO, SEA, SMO e SEM:

SEO - Ottimizzare un sito attraverso risultati pertinenti e parole chiave mirate, definiti "risultati organici" su Google o altri Motori di ricerca.

SEA - Ottimizzare lo stesso sito attraverso l'utilizzo di campagne pubblicitarie come "AdWords" per esempio, commissionate pagando direttamente a Google o ad altri Motori di ricerca, come Bing. La cosiddetta pratica dell'"Advertising" (ADV).

SMO - Ottimizzare i Social media per aiutare a convogliare traffico al sito web istituzionale o per far conoscere meglio la propria attività, interagendo con i followers.

SEM - Ottimizzare lo stesso sito combinando la SEO con la SEA, ovvero attraverso l'implementazione dei "Risultati di ricerca organici" con i "Risultati di ricerca a pagamento". 

E' possibile, ovviamente, che in una strategia di marketing sul web possano essere utilizzate sinergicamente.

 

SEO SEM SOA SMO

 

Gli annunci pagati a Google con la SEA compaiono in alto tra i primi quattro e in basso tra gli ultimi tre dei risultati di ricerca delle parole chiave prescelte per il tuo sito e sono caratterizzati dalla sigla "Ann.".

Per ottenere questi annunci Ë necessario servirsi, nel caso di Google, del circuito "Google AdWords".

Si paga Google Adwords per ogni click che l'annuncio riesce ad ottenere dagli utenti di Google ("Pay per Click" o "PPC").


 

Definizioni e approfondimenti


Alcune definizioni da conoscere nella SEO
Robot: i programmi dei quale si servono Google, Bing e gli altri Motori di ricerca utilizzano per analizzare i contenuti di Internet e della Rete. Possono essere definiti anche "spider" o "crawler". Il robot di Google si chiama semplicemente "Googlebot".

Indicizzazione: il lavoro dei robot, ovvero quello di catalogare e rendere più facilmente individuabili i contenuti della Rete, ma è anche lavoro dei robot quello di rendere pertinenti i risultati delle query sulla base delle parole chiave utilizzate.

Idee per la SEO

 

Ottimizzare: rendere più facile possibile il lavoro dei robot nel momento in cui dovrà sia accedere al contenuto del tuo sito (migliorare l'accessibilità del sito), sia comprenderlo per indicizzarlo meglio.

Posizionamento: fare in modo che i robot portino i link che rimandano al tuo sito il più in alto possibile nella query di ricerca delle parole chiave da te prescelte ed ottenere, in questo modo, una posizione migliore nel "ranking".

Query: è chiamata così ogni ricerca che viene effettuata su Google, su Bing o sugli altri motori di ricerca, attraverso una o più parole chiave.

Parole chiave o "Keywords": ogni stringa di testo utilizzata per trovare qualcosa sui Motori di ricerca è chiamata cos. La "Keyword" può essere formata da una o più parole.

Ranking: la classifica dei risultati di una Query sulla base delle parole chiave utilizzate sui motori di ricerca.

SERP: una qualsiasi pagina di un motore di ricerca che mostri il "Ranking" di una query e della parola chiave ad essa associata. » l'acronimo di "Search Engine Result Page" e significa Pagina del risultato del Motore di Ricerca.

Prima di produrre una SERP, i Motori di ricerca eseguono quindi tre azioni, che sono il crawling, ovvero l'analisi dei contenuti della Rete da parte dei robot, l'indicizzazione o indexing dei risultati ottenuti e la loro classificazione nel ranking.

 

Consulenza SEO Alba

 

SEO: approfondiamo l'argomento

Quali sono le keywords migliori? Quelle più generiche e facili da ricordare sono regolarmente le più utilizzate dai vostri concorrenti, mentre quelle più specifiche e formate da più parole sembrano generare, per logica, dei risultati inferiori nella SERP.

All'attività di SEO viene affiancata, pertanto, il principio della "Long Tail" o Coda Lunga, secondo il quale le keywords specifiche, caratterizzate da una minore concorrenza, ma anche da un tasso di conversione maggiore, sono destinate a portare maggiore profitto poichè relative ad un "prodotto di nicchia".

Ad esempio: la keyword "libro" (una sola parola) è troppo generica ed è utilizzata da troppi concorrenti; la keyword "libro di fantascienza" (due o tre parole) è caratterizzata da una concorrenza minore ma anche da una minore frequenza nelle ricerche; infine, la keyword "libro di fantascienza young adult ambientato in Italia" (più di quattro parole) è sicuramente utilizzata meno delle altre dai concorrenti ed è la meno ricercata dagli utenti, ma è anche quella destinata a portare maggiore profitto, proprio perchè utilizzata da pochi.

Nel terzo caso, il "libro di fantascienza young adult ambientato in Italia" si definisce, per l'appunto, "prodotto di nicchia".

Long tail seo

 

Da tenere in considerazione, però, che il profitto non è determinato solo dalla minore presenza di concorrenti per una keyword, ma anche, come detto, dal numero di ricerche mensili realizzate su di essa. » sempre il giusto equilibrio tra i due fattori a determinare il successo delle parole chiave da voi prescelte per la SEO.

Il miglior strumento gratuito attualmente utilizzato per decidere le vostre keywords in ambito SEO è ovviamente uno strumento di Google. Si tratta del Pianificatore per parole chiave di Google AdWords, il quale fornisce sia il numero di ricerche mensili geolocalizzate di una keyword, suggerendone altre di analoghe.

I migliori risultati SEO si ottengono attraverso la SEO "off page" e la SEO "on page" (dette anche "off site" ed "on site"). 

La prima è la gestione dei link che da altri siti rimandano al nostro ("backlink" o "inbound link"), mentre la seconda è l'ottimizzazione che si svolge direttamente sulle pagine del vostro sito, la quale può essere attuata sia sulla struttura del sito e sul suo codice HTML, sia sui suoi contenuti, ovvero testi ed immagini.

L'HTML è il codice che permette al sito di presentarsi agli utenti esattamente come lo vedono sui Browser principali, come Internet Explorer, Google Chrome o Firefox.

Esso è principalmente suddiviso in tag che, per una SEO di valore, devono essere facilmente identificabili sia dagli utenti che dai robot dei Motori di Ricerca e devono definire chiaramente l'argomento del vostro sito.

Tuttavia, è importante ricordare che per i Motori di Ricerca più evoluti, come Google, il contenuto rappresenta uno dei valori più importanti.

Scrivere per la seo

Il modo migliore per indicizzare il contenuto del proprio sito e per renderne stabile l'indicizzazione è quello di aggiornarlo frequentemente, senza ovviamente copiare da altri siti, poichè i contenuti non originali sono sempre penalizzati da Google nella sua SERP.

Ovviamente, è importante che i contenuti testuali delle pagine del vostro sito devono contenere le keywords da voi prescelte, ma le stesse devono essere ben integrate con il testo di appartenenza, in modo da apparire naturali. Anche un utilizzo non naturale delle keywords, atto a semplificare il lavoro dei robot a discapito della facilità di lettura da parte degli utenti, può portare ad una penalizzazione nella SERP di Google.

Le tecniche consigliate e sconsigliate dai Motori di ricerca per realizzare una buona SEO sono indicate rispettivamente come "White Hat" e "Black Hat".

Le prime consistono nel creare contenuti di valore per il proprio sito, che siano di gradimento prima agli utenti e dopo ai Motori di ricerca medesimi.

Le seconde consistono soprattutto nel tentare di forzare o ingannare gli algoritmi dei Motori di ricerca e possono portare a forti penalizzazioni, non solo temporanee.


» importante ricordare, infine, che la Social Authority, ovvero, ad esempio, il numero di "Mi piace", di "Like" e di "condivisioni" che potete avere su Facebook e Twitter come azienda non incide sull'indicizzazione del vostro sito nella SERP, poichè i Social Network sono trattati come qualsiasi altri siti dai principali Motori di ricerca, ma è comunque importante, per la SEO, garantire una presenza costante sui Social, poiché potrebbe portare ad un numero comunque alto di "backlink".